FIERE DI RIFERIMENTO IN ITALIA
AZIENDE ASSOCIATE

ASSOMAC ONSTAGE

 

C02 - Taglio e preparazione parti

Sistemi, macchine e attrezzature utilizzate per il taglio e la preparazione di pelli, fodere e tessuti nelle singole parti componenti l´articolo da produrre.

Utensile per tagliare del tipo a “ghigliottina”, con una lama fissa e una mobile scorrevole su guide verticali. Si utilizza per ottenere pannelli o fasce la cui larghezza è pari a 4 o 5 volte quella prevista per la cintura da realizzare o un numero molto maggiore se si tratta di cinturini di orologio. I materiali utilizzati possono essere: pelle, rigenerati, finta pelle, sintetici vari, tessuti.

Presse oleodinamiche che attraverso l´impiego di utensili preformati, le fustelle, sono in grado di eseguire il taglio di pelle, cuoio e altro materiale. A seconda della configurazione si dividono in fustellatrici a braccio rotante, a carrello, a ponte mobile, a testa automatica. L´alimentazione del materiale può essere manuale o automatico.

Sistema di taglio pelle, tessuti e materiali sintetici in rotoli e fogli per mezzo di coltello oscillante, detto lama vibrante, montato su una testa mobile per mezzo di braccio a ponte. Il profilo di taglio è determinato da informazioni trasmesse da file vettoriali e proiettate direttamente sul piano di lavoro per il piazzamento ottimale delle sagome. Sistema di aspirazione per il bloccaggio della pelle, testa multi utensile e sistema di nesting automatico completano le funzioni macchina. Versioni adatte per la modelleria, piccole e grandi produzioni.

Impiego di laser CO2 quale flusso di energia con impatto termico sul materiale in lavorazione. Il fascio energetico viene guidato attraverso un percorso ottico fino alla testa di taglio montata su di una tavola piana (plotter XY)e nelle versioni più evolute anche sul terzo asse. L´impatto termico con il materiale provoca, per principio fisico, una lieve carbonizzazione localizzata (brunitura). Tramite regolazione di velocità, tempi e potenza possono essere realizzati effetti decorativi di vario tipo anche in assenza di taglio passante del supporto.

Macchine per il taglio di strisce di pelle. Esistono due configurazioni, la prima a rullo dotato di coltelli a disco in cui la pelle viene precedentemente sagomata in pannelli rettangolari e la seconda con taglio a spirale.

Effettua il taglio in strisce di materiale a imitazione pelle confezionato in rotoli. Si possono lavorare diversi tipi di materiali: tessuti non tessuti, tessuti plastificati con diversi prodotti, tessuti adesivizzati, tessuti trapuntati, materiali espansi. Versioni con differenti potenze di taglio; dimensioni in lunghezza e in profondità del materiale in rotoli; dispositivi di carico e scarico rotoli; sistemi di controllo.

Detta anche “multitaglio” può effettuare, in modo automatico, tagli di svariate misure e quantità di: bordi, mignon, nastri, fettucce, velcro, elastico e altri ancora. I sistemi di taglio adottati sono di due tipi: a freddo con lama a forbice e a caldo con lama riscaldata che genera un effetto di saldatura.

Macchine che equalizzano lo spessore delle pelli che compongono la tomaia asportando parte di materiale dal lato carne. Può eseguire interventi di scarnitura dei bordi attraverso l´impiego di matrici realizzate seguendo una definita geometria. Generalmente hanno luce di lavoro compresa da 400 a 600 mm.

Macchina che riduce lo spessore dei bordi dei pezzi dell´articolo da realizzare secondo profili appropriati alle esigenze del modello. La smussatura o “bisellatura” del bordo è realizzata attraverso un coltello a tazza che ruota a grande velocità. L´operazione può essere a gestione manuale o con l´ausilio di matrici. Versioni dalla tradizionale alla computerizzata.

Macchina che ripiega il bordo precedentemente scarnito delle parti in pelle componenti l´articolo, utilizzando collante termoplastico e operando interventi di taglio lungo curve concave e convesse. Versioni dal livello semplice a quello complesso nel controllo computerizzato dei parametri di processo. Ulteriore tipologia è rappresentata da quella lineare, che esegue la ripiegatura in una sola fase.

Macchina che esegue la “bucatura ornamentale”; una fila di fori rotondi, a forma di rombo piuttosto che di stellina su liste che vengono applicate sul diritto di una cintura o come motivo lungo il bordo di una parte di una borsa, abbellendo e diversificando in tale modo modelli per collezioni. La linea di fori viene eseguita a intervalli prestabiliti, la cui distanza è regolabile per mezzo di un´unica fustella ad ago e con trasporto in continuo del pezzo lavorato, oppure tramite presse munite di minifustella.

Macchine che eseguono modifiche superficiali come incisioni, bucature e pressature di motivo ornamentale su aree di dimensioni estese, quali intere parti di borse o di altri articoli di pelletteria o addirittura di pelli intere o materiali bobinati con luci fino a 1500 mm. Utilizza fustelle collocate a pettine su apposito supporto lineare.

Sulle parti che compongono i vari manufatti presenti in pelletteria si possono eseguire interventi di placcatura, di stampatura in rilievo e anche di foratura e di tranciatura utilizzando macchine piuttosto semplici, costruite a tale scopo. Si utilizza una matrice sulla quale è impresso il motivo da realizzare, attraverso calore e pressione appropriati al tipo di materiale da trattare. Le macchine per stampare in rilievo, placcare-lucidare, per eseguire forature di decoro e trasferimento di colori offrono allo stilista la possibilità di personalizzazione e valorizzazione i propri modelli.