REFERENCE EXHIBITIONS IN ITALY
ASSOCIATED COMPANIES

ASSOMAC ONSTAGE

 

A03.04 - Dry splitting machines

The splitting process of the hide in horizontal layers allows to reach the desired thickness and simultaneously to recover a byproduct (split) which is processed in a same way like the hide from which it derives; this operation can be done at different steps of the manufacturing process. The splitting in finishing phase is practiced on finished hides using the machines that are equipped with a circular band knife mounted on wheels, specifically designed to facilitate the hide introduction. Equipped with micrometric precision systems, such as the insertion table inclination and blade position, that ensure the thickness adjustment with very hight accuracy. The blades are automatically rebladed through grinding stones mounted on cart system.

Manufacturers

ALPE SPAK SRL
Via Seconda Strada, 43 Z.I.
36071 ARZIGNANO VI
Italy
http://www.alpegroup.com
alpespak@alpegroup.com
CAMOGA SPA
Via Cimabue, 32
20032 CORMANO MI
Italy
http://www.camoga.it
camoga@camoga.it
GE.MA.TA. SPA
Via Rampa dell'Agno, 6
36070 TRISSINO VI
Italy
http://www.gemata.com
info@gemata.com
MA SRLS
Viale Industria, 40
27025 Gambolò PV
Italy
http://www.masrls.com
info@masrls.com
MOSCONI SPA
Viale del Commercio, 7
37135 VERONA VR
Italy
http://www.mosconispa.it
mosconi@mosconispa.it

See also:

Caro cliente e caro fornitore,

In questi giorni stiamo vivendo una situazione imprevedibile, complessa e con la quale non avremmo mai voluto confrontarci. Le imprese associate ASSOMAC, sia strutturate che di piccole dimensioni, sono messe a dura prova e si trovano obbligate a decisioni difficili in un contesto internazionale in continuo cambiamento.

In tutte le nostre aziende, dopo le disposizioni governative per una cessazione delle attività, è sempre più crescente la preoccupazione per la capacità di “resistenza dell’impresa” anche legate alle dotazioni finanziarie per rispettare le future scadenze di pagamento nella salvaguardia dei nostri collaboratori, fornitori e clienti. 

Riprendendo quanto scrive il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia nella lettera ai presidenti delle Associazioni Confederate del 31 marzo scorso:

La tenuta del sistema economico e delle filiere dipende però anche da noi, dalla nostra etica della responsabilità e dai nostri comportamenti, per questo faccio un appello a tutte le nostre imprese e lo faccio riportando una frase di Stefano Scaglia, il nostro Presidente di Confindustria Bergamo, un territorio tra i più colpiti in questo momento, che ha dichiarato ieri: “Ogni impresa, indipendentemente dalla sua dimensione, categoria o settore merceologico, è funzionale alla sopravvivenza del nostro tessuto produttivo. Mantenere gli impegni presi nei pagamenti, salvo gravi e comprovate difficoltà, è la decisione che garantisce continuità a tutto il nostro sistema. Adesso è il momento della responsabilità sociale, possiamo e vogliamo essere il centro e i promotori della nuova rinascita”.

In questo momento le nostre imprese stanno cercando di fare il possibile per ottemperare a tutti gli impegni di pagamento nei confronti dei propri fornitori proprio per non incrinare rapporti commerciali storici e non alimentare un dannoso effetto domino.  

Fiduciosi che la collaborazione etica del mondo imprenditoriale unitamente al rispetto degli impegni presi consentirà una pronta ripartenza della filiera pelle e dell’intero sistema produttivo italiano.

Un caro saluto.

Presidente Assomac
Gabriella Marchioni Bocca